Naucrates Music

Digital Music Store: i supermarket della musica

Digital Music Store: i supermarket della musica

A cosa servono i digital music stores? Come si fa a mettere la propria musica su un marketplace? Dove e quando pubblicare? Basta solo pubblicare sui marketplace è attendere passivamente che salgono streams e download?

COSA SI DICE IN GIRO

Cercando in rete il termine “digital music store” vi uscirà poco o nulla, questo non perché ce lo siamo inventato ma perché ancora non c’è un termine univoco che identifica questo servizio. Digital music store, marketplace, piattaforma di streaming musicale, sono tutti termini che possono riferirsi a servizi di ascolto musicale. Per comodità di scrittura da qui in poi li chiameremo digital store o marketplace.

Fino a qualche anno fa, per ascoltare musica bisognava recarsi in un negozio di dischi e “scavare” nella sezione ultimi arrivi l’album del nostro artista preferito. Questo oggi è quasi preistoria e dato che la musica viaggia nell’etere attraverso lo streaming, i negozi di dischi sono una vera e propria rarità (si ho scritto negozi di dischi e non i mega store di elettronica che vendono cellulari, TV e frigoriferi e poi in un angolo buio e polveroso c’è una parete adibita alla musica su supporti fisici).

QUANTI E QUALI

Oggi per avere accesso a miliardi di minuti di musica in digitale basta semplicemente scaricare l’applicazione del servizio di streaming musicale sul nostro smartphone.

Di digital store ce ne sono di svariati tipi, se ne contano oltre 200. Come vedremo dopo, quello che dovrebbe saltare all’attenzione non è tanto la varietà ma quali sono quelli che gli utenti utilizzano maggiormente. Alcuni sono davvero sconosciuti. Mentre tra i più diffusi troviamo Spotify, Itunes, Amazon Music, Youtube Music, Tidal, Deezer, ecc… Se ci spostiamo nei paesi orientali, QQ Music, Xiami Music e altri.

Quanto costano? Quali sono i migliori? Come funzionano? Presumendo che se stai leggendo questo articolo sei un artista, non approfondiremo questi aspetti dei digital store. Per approfondire i costi di abbonamento, il funzionamento, la qualità musicale che offrono, ecc… puoi scegliere il servizio di streaming digitale che più ti piace e approfondire sul loro sito le varie informazioni.

STREAMING : CD = DISCO DI PLATINO?

Dato che i digital store stanno pian piano sostituendo i supporti fisici, come si fa adesso ad ottenere il riconoscimento come disco d’oro, di platino, doppio platino, ecc…? Anche se la musica è in digitale, gli ascolti e download vengono conteggiati ai fini dell’ottenimento della certificazione. Ovviamente c’è da considerare che il fattore di conversione di plays/download : vendita copia fisica non è 1:1. Riportiamo il link della FIMI, l’ente ufficiale che rilascia tali certificazioni. Nella sezione “NOTA METODOLOGICA” (aggiornata periodicamente) trovate delle info molto esaustive per chi desidera approfondire.

PERCHÉ TUTTO QUESTO CI INTERESSA?

Sembrerebbe che in Italia oltre l’80% della musica si ascolti in streaming (Fonte Global Music Report 2021). Il dato aumenta notevolmente se restringiamo il range di età. Non siamo un blog di statistiche, per dati precisi ricercate sul web info più accurate. Oppure potete fare un semplice test oggettivo. Chiedete ai vostri amici se a casa hanno un lettore CD audio. Se vi guardano perplessi come si guarderebbe un medico che per curarvi la febbre svita il barattolo con dentro le sanguisughe, quasi sicuramente ascoltano musica in streaming.

Perché dovrebbero interessarti questi numeri? Se oggi per diffondere la tua musica ti affidi solo a un’edizione musicale per stampare CD audio o vinile, ti stai perdendo la fetta più grossa del mercato. Quindi se vuoi essere capillare nel distribuire la tua musica, devi necessariamente pubblicarla sui digital store. Per molti questo è scontato, eppure continuiamo ad essere contattati da artisti interessati alla distribuzione fisica della loro musica.

Il punto è che se pianifichi un’uscita musicale devi cercare di diffondere in ogni dove la tua musica. Per quanto vendere un CD o un vinile è più remunerativo rispetto alle royalties dello streaming, non si può escludere o lasciare al caso la pubblicazione sui digital store.

QUANDO PUBBLICARE

Non esiste il momento migliore. Piuttosto esistono “tanti” momenti più adatti rispetto ad altri. Se la tua musica esalta alla mente tematiche estive o invernali, questi potrebbero essere i momenti adatti. Se i tuoi fan sono in attesa dell’uscita del tuo album dopo il lancio del singolo, beh quello è decisamente un altro momento adatto. Anche l’aspetto commerciale e promozionale può scandire il momento adatto per la pubblicazione dei tuoi brani, soprattutto se ti avvali di un team di supporto (etichetta, manager, produttore, ecc…).

Da un punto di vista tecnico, alcuni digital store prediligono dei giorni in cui far uscire l’opera musicale. Giusto per fare un esempio, uno degli algoritmi di Spotify raccoglie le uscite della settimana in una fan playlist che esce il venerdì. Quindi se i nostri brani usciranno di venerdì, entreranno direttamente in questa playlist. In realtà anche se pubblichiamo i brani di mercoledì o giovedì rientrano in questa playlist. Il vantaggio del venerdì è che massimizziamo più ascolti il primo giorno. Approfondiremo la tematica delle playlist e degli algoritmi in un articolo ad hoc.

PROMOZIONE

Solo caricare sui digital store non basterà per far decollare i tuoi brani. Una strategia che consigliamo è identificare uno o due market place maggiormente utilizzati dalla tua fan-page e studiare delle strategie promozionali specifiche su quel target. Questo massimizzerà il tuo risultato.

Sconsigliamo vivamente di acquistare quei pacchetti promozionali già pronti che ti “garantiscono” i risultati. Nella musica poche sono le cose che si possono garantire e una di queste non è il successo. Se hai fan che ascoltano la tua musica allora con molta probabilità hai la “certezza” che il nuovo album farà almeno gli stessi ascolti del precedente. Se hai fatto un buon lavoro e sei affiancato da professionisti che sanno quali corde del marketing tirare allora aumenta la possibilità di fare ancora meglio.

Basare la propria strategia sull’acquisto degli streams è come costruire un castello di carta. Finito il periodo promozionale ti troverai solo tanti numeri sui profili del market place, ma zero fan reali che apprezzano davvero la tua musica. Piuttosto valuta strategie che possano indirizzare la tua musica a persone vere che scelgono di ascoltarla perché gli stai trasmettendo un’emozione.

CONCLUSIONI

  • Diffondi la tua musica in maniera capillare caricandola sui digital store
  • Valuta una strategia promozionale che possa far aumentare i tuoi fan reali